Regione Veneto

100 mila euro per la ciclabile di Ca’ Minotto

Pubblicato il 30 marzo 2019 • Comunicati stampa

La rete di oltre 50 chilometri di piste ciclabili che collegano in tutte le direttrici Rosà alle sue Frazioni ed al resto del Territorio è uno dei primi biglietti da visita del Paese. Una serie di percorsi protetti realizzati nel corso dell’ultimo ventennio ed utilizzati da quanti si vogliono spostare in tutta sicurezza, investendo in salute ed ambiente ma che vanno costantemente manutentati e rinnovati.

Su questa linea la Giunta comunale ha dato il via libera ai lavori di rifacimento e messa in sicurezza della pista ciclo-pedonale di Ca’ Minotto lungo la Strada Regionale 245 “Della Castellana” in direzione Castelfranco Veneto. L’intervento poggia sul contributo di 100 mila euro varato dal Ministero dell’Interno guidato dal vicepremier Matteo Salvini, volto ad aumentare la sicurezza del patrimonio pubblico con la manutenzione di scuole, strade ed edifici pubblici. Un lavoro aggiuntivo rispetto al programma delle opere Triennale che deve essere messo in cantiere entro il 15 maggio 2019.

Qui la scelta del sindaco Bordignon di intervenire sul percorso ciclabile di collegamento con Rossano Veneto, con importo che verrà anticipato da una variazione di bilancio approvata dal Consiglio comunale nella seduta dello scorso 18 marzo (delibera 7).

«Abbiamo destinato questo contributo del ministro Salvini alla pista di Ca’ Minotto – spiega il sindaco Bordignon – consapevoli dello stato di usura. Un intervento aggiuntivo al nostro programma di lavori su strade e piste ciclabili che va spedito nella direzione di accrescere la sicurezza ed ammodernare Rosà».

L’attuale pista è stata realizzata prima del 1997 ed attualmente ha un manto con numerose irregolarità in parte rattoppate per un deterioramento dovuto ad agenti climatici, lavori di sottoservizi e normale usura per il flusso viario. Il tratto interessato all’intervento è di 1.100 metri e si sviluppa parte lungo la Regionale (750 metri) e parte nella deviazione interna nella direttrice nord-sud. L’intervento prevede la sostituzione di alcuni cordoli danneggiati, la demolizione e rifacimento dell’intero manto in asfalto, la sistemazione di pozzetti e tombinatura di un tratto di fosso irriguo. Una riqualificazione generale a beneficio dei residenti e di quanti amano spostarsi a piedi o sulla due ruote.